38 Settimana di Gravidanza al Nono Mese

Trentottesima settimana di gravidanzaLa trentottesima settimana di gravidanza consiste in un periodo dove le contrazioni possono farsi più intense e sono, quindi, percepite maggiormente dalla futura mamma.

L’esperienza del parto e, in particolare, quella del travaglio è difficile da immaginare. Una donna può avere delle informazioni su cosa l’aspetterà al momento del parto, in base a quelle che le hanno raccontato le amiche, la mamma oppure delle parenti a lei vicine, ma, ogni gravidanza e ogni parto sono unici e, quindi, non è possibile fare delle generalizzazioni.

Le contrazioni rappresentano l’aspetto che, forse, preoccupa maggiormente la futura mamma. Spesso, nelle ultime settimane di gravidanza, la donna si pone delle domande riguardo a quanto le contrazioni saranno dolorose e se il dolore sarà davvero così insopportabile.

Quando l’utero si contrae, durante una forte contrazione, si irrigidisce e si gonfia come accade ad un qualsiasi un muscolo dell’organismo in tensione. Le contrazioni più forti, ce si avvertono durante il travaglio, sono necessarie per far nascere il bambino.

Durante una contrazione, le fibre muscolari, poste all’apice dell’utero, si contraggono energicamente, andando a premere verso il centro e portando la cervice uterina verso l’alto. La contrazione spinge verso il basso la testa del feto, permettendo l’apertura sia dei muscoli che dei tessuti fibrosi del collo dell’utero.

Le contrazioni, in condizioni fisiologiche, possiedono un ritmo molto regolare, hanno un andamento tipico ad onda e presentano una durata sempre maggiore, mentre l’intervallo tra una contrazione e l’altra viene, mano a mano, a ridursi.

La donna può praticare con l’aiuto di un’altra persona diversi esercizi che servono a simulare le contrazioni, tipiche del travaglio. Un esercizio prevede che venga preso dalla persona un po’ di muscolo della regione interna della coscia e che questo venga stretto tra le dita, come se si stesse dando un pizzicotto.

La futura mamma dovrà reagire alla simulazione della contrazione, attuando le varie tecniche di respirazione, che ha imparato nei mesi precedenti. la donna incinta dovrà, dal canto suo, adeguare la propria respirazione al grado di pressione esercitata, alla durata e al dolore avvertito, durante la simulazione.

Il peso della gestante, giorno dopo giorno, tende a diminuire, rispetto alle settimane precedenti, anche se questo cambiamento, a volte, passa inosservato. La riduzione del peso corporeo della futura mamma sta ad indicare che il parto si sta avvicinando.

Durante questa settimana, il bambino continua a crescere. È ormai pronto per sopravvivere al di fuori dell’utero materno e tutti gli sforzi e il duro lavoro, che ha dovuto compiere nei mesi precedenti, per svilupparsi, verranno finalmente ripagati al momento del parto, quando il bambino vedrà per la prima volta il mondo.

Titolo articolo: Feto a 38 Settimane

Perché non condividi queste Info?

2 ragazze hanno risposto

  1. Sono giunta alla 38a settimana di gravidanza. Mancano solo 2 settimane al parto. Sono impaziente di abbracciare il mio piccolo Andrea, ma allo stesso tempo sono preoccupata per i dolori del parto.

  2. Parlo da mamma…Tranquilla Chiara, anche io ero terrorizzata per i dolori del travaglio, proprio come te, però dopo aver stretto tra le braccia la mia bambina, mi sono dimenticata di tutto.

Qual è la tua opinione?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *